48° Assemblea annuale

RELAZIONE MORALE DEL PRESIDENTE

Bibano 18/02/2018

Buongiorno a tutti e benvenuti a questa nostra 48° assemblea sociale.

A nome mio e di tutto il Consiglio di Avis, porgo un caloroso saluto e un grande ringraziamento a tutti i presenti. Un benvenuto alle autorità che ci onorano con la loro presenza, in particolare:

  • In rappresentanza del Comune di Godega: La sindaca e nostra avisina Dott.ssa Paola Guzzo, Il Vice Sindaco Lucio Favero e l’Assessore Giorgio Visentin;
  • In rappresentanza dell’Avis Provinciale: il consigliere e vicepresidente Davide De Blasi;
  • In rappresentanza dei Revisori: Dott. Alessandro Gava.

Prima di iniziare i nostri lavori, vogliamo rivolgere un doveroso e referente omaggio a tutti gli Avisini che hanno fatto parte della nostra storia e che purtroppo ora non ci sono più. In modo particolare a coloro che ci hanno lasciato nel corso di quest’anno. Depositeremo in loro memoria una confezione floreale ai piedi del nostro monumento.

CONSUNTIVO DONAZIONI 2017

I numeri consolidati al 31/12/ 2017, di Avis Godega, sono i seguenti:

  • Totale soci: n°491
  • Totale Soci donatori: n° 477
  • Soci ex donatori: n°12 + 2 soci collaboratori non donatori
  • N° 8 soci non hanno mai donato, 7 per motivi sanitari e 1 per motivi che non conosciamo.
  • Soci depennati: 39 (Nei depennati ci sono gli over 65 (7), quelli dichiarati inadatti alla donazione per motivi sanitari e quelli che da più di 2 anni non donano)
  • I nuovi iscritti con 1° donazione sono:
    • n°29 – (16 M e13 F) - I reinseriti dopo la sospensione:
    • n° 10 Altri nuovi iscritti hanno l’idoneità, ma non hanno ancora fatto la prima donazione e quindi non vengono considerati in questo computo.
  • I soci donatori sono così suddivisi: n° 294 maschi 2 (% come media donazioni mensile abbiamo fatto anche meglio del 2016)

Nel 2017 non abbiamo avuto la domenica di prelievo nel mese di novembre e la perdita ci è stata riconfermata anche per quest’anno. Statisticamente novembre vale ca. 8% del totale dei prelievi Per inciso, numero di giornate di prelievo e date di esecuzione, ci vengono assegnate annualmente dalla nostra Avis Provinciale e non dipendono dalla nostra volontà. Le assegnazioni vengono fatte per le varie A.O. in funzione degli accordi in essere con le strutture sanitarie Regionali, dalla disponibilità del personale medico e paramedico e delle attrezzature specifiche per il prelievo. (bilance ecc.). Per le assegnazioni, ogni anno è una lotta impari con la segreteria Provinciale.

A tutti i Donatori che, gratificati solamente dalla consapevolezza di aver contribuito a salvare delle vite (qui da noi anche da qualche ottimo panino), va un plauso e un ringraziamento per l’affezione e la costanza con la quale hanno donato il proprio sangue durante tutto il corso dell’anno.

Un altro grande “Grazie” va a tutti coloro che, lavorando con impegno e dedizione, hanno reso possibili questi risultati. Per inciso vorrei evidenziare che la continua evoluzione del sistema di raccolta dettato dalle normative sanitarie sempre più stringenti, richiede oltre al consueto e costante impegno da parte di tutti noi, anche delle competenze specifiche che fortunatamente ritroviamo fra i nostri giovani consiglieri.

Questa è una sicurezza anche in prospettiva futura.

ATTIVITA SOCIALE SVOLTA

Il 15 gennaio si è tenuta, sul tema: “Alimentazione e donazione, un binomio da nutrire”, la consueta conferenza divulgativa che organizziamo per ricordare in modo appropriato il nostro amico ed ex consigliere Luciano Battistuzzi. Questa serata era in programma a dicembre ma è slittata a causa degli impegni dei relatori. Ringrazio il Comune di Godega per la concessione del patrocinio. Un ringraziamento particolare a tutta la Famiglia. Battistuzzi per la vicinanza e il supporto.

Abbiamo poi partecipato alla festa del Carnevale di Marca allestendo una bancarella ristoro.

Il 19 febbraio, si è tenuta l’assemblea Generale con il rinnovo delle cariche sociali. Nell’occasione, si è deciso di allargare il nuovo consiglio a 19 componenti. La scelta è stata dettata dalla consapevolezza che, per creare solide basi al futuro della nostra associazione, era necessario prevedere un inserimento graduale per i nuovi entrati. Nel corso dell’assemblea sociale sono stati poi premiati, come di consueto, i soci avisini meritevoli.

Il “Premio di Studio” è stato assegnato ad un nostro bravissimo giovane donatore. Quest’anno il premio non verrà assegnato per mancanza di candidati.

A marzo, abbiamo prestato il consueto servizio agli ingressi della Fiera di Godega e partecipato alla manifestazione con un nostro Stand promozionale.

In Aprile abbiamo svolto attività divulgativa, con i ragazzi di una 5°classe della scuola di Godega. Ringraziamo per competenza e professionalità la relatrice la Dott.ssa Camillotto.

A maggio, nell’ottica della conoscenza per un consumo consapevole, una pattuglia di nostri irriducibili, ha partecipato a cantine aperte.

Il 29 ottobre abbiamo avuto la visita ispettiva per la certificazione dell’idoneità, alla raccolta del sangue, della nostra sede. I requisiti richiesti dai certificatori della sanità Veneta sono sempre più impegnativi sotto tutti i punti di vista (materiali, strutture, risorse umane, etc.) ma con la collaborazione e il contributo di 3 tutti, abbiamo ottemperato brillantemente a tutte le richieste ricevute dagli ispettori.

Qualche giorno fa, abbiamo ricevuto una comunicazione firmata da Alberto Argentoni nostro Presidente Nazionale in qualità di responsabile del servizio e dalla nostra presidente Vanda Pradal con l’elenco di 7 non conformità emerse dalle visite ispettive eseguite presso le A.O. Provinciali.

Delle 7 contestazioni menzionate, 5 non ci riguardano direttamente in quanto le abbiamo superate brillantemente. Gli altri 2 punti sono aspetti legati alla sicurezza degli impianti energetici per i quali nessun certificatore ha espresso richieste in merito.

Noi abbiamo la documentazione specifica, ma a questo punto aspetteremo che Avis Provinciale avanzi le richieste prima di muoverci. Confesso che alla prima lettura della email, un leggero “travaso di bile” mi è venuto perché avrei gradito una comunicazione personalizzata. Capisco le difficoltà oggettive della Provinciale, ma dobbiamo tenere in considerazione che, quelli che di solito lavorano, “soddisfazioni” ne ricevono sempre poche.

A questo punto mi viene spontanea una considerazione: noi che siamo tutti volontari e ci danniamo continuamente l’anima per raggiungere gli obbiettivi che ci vengono richiesti, ci domandiamo: considerata la insostituibile funzione sociale che universalmente viene riconosciuta ad Avis, perché i costi di adeguamento a strutture e materiali che ci vengono continuamente sollecitati dalle istituzioni sanitarie, devono sempre per forza essere tutti a nostro carico? Avis Godega sta ancora pagando il mutuo per ottemperare a queste richieste.

A novembre la Castagnata con la solita tombolata finale. Quest’anno in mancanza della musica del trio Sandro e Piero + Piero, la serata è stata movimentata da uno spettacoloso Karaoke. - Sempre a novembre abbiamo tenuto un’altra serata divulgativa sul tema “L’IMPORTANZA DELL’AUTOISPEZIONE DEI NEI NELLA PREVENZIONE DEL MELANOMA”.

Nota dolente sono le Gite che purtroppo non siamo riusciti a condurre in porto nel 2017. Tutti assieme dovremo fare una approfondita riflessione in merito per cercare di capirne le motivazioni. Vedremo quest’anno come andrà

ATTIVITA/SERVIZI 2018

Il programma di massima delle attività sociali per il 2018, è stato inserito nella nostra comunicazione inviata a tutti i donatori a dicembre u.s. e ripercorre sostanzialmente il programma del 2017. Credo sia meglio quindi spendere qualche minuto per ragguagliarvi sullo stato dell’arte di alcuni servizi che abbiamo introdotto e/o stiamo implementando.

Servizio di Chiamata e Convocazione Come sapete, il servizio di chiamata è un importante strumento che fa parte di un programma concordato dall’ Avis Provinciale con le strutture sanitarie di riferimento, in funzione delle esigenze terapeutiche degli ammalati. Il servizio, comprensivo della prenotazione, viene gestito da Avis Provinciale ed è attivo per i nostri donatori che abitualmente donano presso i C.T., mentre per tutti gli altri le informazioni le gestiamo noi direttamente con messaggi inviati sul cellulare del donatore, con email e/o attraverso i social. Pertanto quando ricevete i messaggi è importante che tutti coloro che sono nelle condizioni di poter donare e ne hanno la possibilità, si presentino ai C.T. perché ci sono delle emergenze da gestire.

Da quest’anno la plasmaferesi domenicale a Treviso, ci sta creando qualche grattacapo perché, mentre in passato la Provinciale ci garantiva il numero e gli orari di accesso alle macchine di 4 plasmaferesi, ora invece dobbiamo eseguire la prenotazione per tempo di volta in volta ed essendo l’accesso domenicale libero a tutti, possiamo trovarci nella condizione di non trovare disponibilità per tutti i nostri 8 donatori negli orari richiesti.

Facciamo quindi un appello ai donatori di plasma che abitualmente donano presso il C.T. di Treviso di aiutarci facendoci pervenire per tempo la propria disponibilità nella data prescelta. Servizio di Accoglienza L’accoglienza in generale, il ristoro in particolare, da noi è sempre stato un segno distintivo. Abbiamo constatato però che in presenza di idoneità o di nuovi donatori diventa essenziale una persona dedicata che accolga chi arriva e li accompagni nel percorso di donazione fornendo loro tutte le necessarie informazioni.

Per questo abbiamo inserito una persona dedicata. Fidelizzazione La fidelizzazione del donatore, specialmente nel primo periodo, è un problema che tocca anche noi da vicino. Non siamo a percentuali del 50 % di cui si parla a livello sovraordinato, ma anche noi abbiamo delle sofferenze. Abbiamo infatti idoneità (6 casi) del 2016 ed alcune del 2017 che non hanno ancora fatto la prima donazione nonostante tutti i solleciti. Parecchie di queste idoneità sono ora a rischio decadenza. Quello che più ci sconforta è che non riusciamo a capirne le motivazioni in quanto si interrompono tutti i contatti. Idoneità di Sabato Abbiamo deciso di proseguire con la sperimentazione delle giornate dedicate alle idoneità di sabato.

Le date concordate per quest’anno sono il 21 aprile e il 20 ottobre. La nostra convinzione che il servizio dovrebbe essere maggiormente integrato, ricercando sinergie sul territorio, sembra dare qualche frutto perché una Avis vicina ci ha chiesto un contatto.

Centro Sollievo Da non dimenticare Il Centro di Sollievo per i malati di Alzheimer che, anche se in forma ridotta una sola volta alla settimana per mancanza di volontari, continua il suo percorso nella nostra sede con il nostro sostegno. Se qualcuno di voi è interessato o ha voglia di dare un contributo al suo sviluppo, si faccia avanti.

Lavori sede Prima di passare ai saluti finali volevo farVi notare che, oltre alle attività cosiddette statutarie, il gruppo di lavoro è attivo e si impegna anche per adeguare e migliorare la nostra bella sede. Non so se lo avete notato, ma adesso non abbiamo più grossi problemi di acustica nel nostro salone perché, come potete vedere, abbiamo provveduto ad installare un controsoffitto fonoassorbente. Inoltre abbiamo migliorato l’illuminazione con lampade a led e provveduto ad installare in modo definitivo il proiettore, che ci aiuta nelle attività divulgative, e adeguato le linee dei servizi di rete. Il lavoro è stato eseguito tutto, con abilità e competenza, dai nostri consiglieri e volontari. Credo che quantomeno si meritino almeno un applauso.

SALUTI FINALI

Un saluto e un ringraziamento a tutte le autorità che ci hanno onorato con la loro presenza: Il nostro sindaco Dr.ssa Paola Guzzo, il Vice Sindaco Lucio Favero, l’assessore Giorgio Visentin. il Vice Presidente dell’Avis Provinciale Davide De Blasi. 5 Per il loro prezioso contributo, un ringraziamento particolare al collegio dei revisori dei conti: dal presidente Gianantonio Dal Cin , ai componenti Alex Pastre e Alessandro Gava, che oggi li rappresenta. Ringrazio per la vicinanza e il sostegno le ditte, che non ci fanno mai mancare il loro aiuto e supporto. Non le cito tutte per nome per paura di dimenticarne qualcuna. Ringrazio ancora una volta tutti i consiglieri, in modo particolare le nostre insostituibili donne. Ai nuovi entrati auguro buon lavoro. Ringrazio tutti i presenti per la pazienza con la quale mi avete ascoltato e auguro tanta serenità a Voi e alle Vostre famiglie. Grazie di cuore a tutti

Il Presidente Mario Dal Cin