47° Assemblea annuale

47° ASSEMBLEA COMUNALE DI AVIS GODEGA DI SANT’URBANO

RELAZIONE MORALE DEL PRESIDENTE

Bibano 19/02/2017

Buongiorno a tutti i presenti e benvenuti a questa nostra 47° Assemblea .

Permettetemi di salutare e ringraziare, anche a nome di tutto il Consiglio dell’ Avis Comunale di Godega, le autorità presenti:

  • In rappresentanza del Comune di Godega : Il sindaco e nostro avisino dr. Alessandro Bonet
  • In rappresentanza dell’Avis provinciale : il consigliere Michele Rodighiero

Prima di iniziare i lavori di questa nostra Assemblea, credo sia doveroso rivolgere un riconoscente omaggio a tutti gli Avisini scomparsi, in modo particolare a coloro che ci hanno lasciato nel corso di quest’anno.

Depositeremo poi una confezione floreale ai piedi del nostro monumento.

PREMESSA

Quello che si è appena concluso è stato un anno che possiamo considerare positivo a tutti i livelli.

Non mi riferisco solo all’organizzazione o al numero complessivo dei prelievi, ma soprattutto alla nutrita presenza di giovani, che hanno finalmente rinvigorito le schiere dei nostri donatori.

Vedere così tanti giovani accostarsi con entusiasmo al dono, è sicuramente motivo di orgoglio, ma soprattutto ripaga gli sforzi di tutti coloro che in questi anni hanno lavorato e si sono spesi, per contribuire al raggiungimento degli obbiettivi della nostra Associazione.

CONSUNTIVO attività di Donazione 2016

Nel corso del 2016, abbiamo effettuato 10 domeniche di prelievo nella ns. sede .

Il lavoro è sempre molto impegnativo, ma ci ha permesso di raggiungere un risultato che possiamo considerare senz’altro lusinghiero.

Un plauso va quindi a tutti i nostri soci Avisini che, con affezione e costanza, hanno donato durante tutto il corso dell’anno.

Un doveroso ringraziamento alla compatta squadra dei nostri Consiglieri che, durante l’anno, ha sempre lavorato con encomiabile impegno e dedizione.

Il numero complessivo di donazioni è importante e anche gratificante, ma il nostro principale obbiettivo è assicurare in primis che i prelievi vengano eseguiti secondo le procedure e gli standard previsti dalle normative a garanzia della sicurezza dei nostri donatori.

I numeri consolidati di Avis Godega al 31/12/ 2016, sono i seguenti:

- Totale soci : 489

- Totale Soci donatori : 477 +2,8%

- Soci ex donatori : 10 + 2 soci collaboratori non donatori

Soci depennati : 43 (Nei depennati ci sono gli over 65, quelli dichiarati inadatti alla donazione per motivi sanitari e quelli che da più di 2 anni non donano)

Nuovi iscritti con 1° donazione sono: 48 + 108% - Reinseriti dopo la sospensione : 7

Altri nuovi iscritti hanno l’idoneità, ma non hanno ancora fatto la prima donazione e quindi non vengono considerati in questo computo.

Totale Donazioni : 771 +11%

(sangue intero + 13,8% - plasma -1,7%) - ( Maschi + 11,7% - Femmine + 8,4%)

Indice Medio donazioni 1,62%

ATTIVITA SOCIALE

- Il 15 gennaio si è tenuta, sul tema : “Alimentazione e donazione, un binomio da nutrire” ,

la conferenza divulgativa che organizziamo per commemorare il nostro amico ed ex consigliere Luciano Battistuzzi, che purtroppo ci ha prematuramente lasciato.

Ringrazio il Comune di Godega per il patrocinio concesso alla manifestazione.

- A febbraio, come ogni anno, si è tenuta l’Assemblea Generale dei soci.

Il premio di studio, istituito per veicolare presso i giovani messaggi di vita positivi ed emulativi, non è stato assegnato per mancanza di concorrenti.

Quest’anno, invece, il premio verrà assegnato ad un nostro bravissimo giovane molto attivo anche come donatore .

- A marzo, non è stato possibile dare il nostro supporto alla Fiera di Godega e quindi, nonostante le promesse ricevute, non abbiamo potuto ottenere il consueto contributo che il Comune elargiva per il nostro lavoro.

Considerate le difficoltà che ci sono per reperire risorse aggiuntive , il mancato introito, ha impattato negativamente sulle nostre attività limitando di molto le iniziative in programma.

I margini di manovra, che le nostre finanze ci permettono, sono infatti molto limitati, perché stiamo ancora pagando le rate del mutuo, contratto a suo tempo, per la costruzione della nuova sede.

Per l’estinzione, senza eventi straordinari, ne avremo ancora per qualche anno .

Fortunatamente esistono anche le persone e/o attività di “buon cuore” che, in forme diverse, ci forniscono qualche sostegno.

- Il 2 maggio abbiamo svolto attività divulgativa, sul tema della conoscenza del sangue e dei suoi derivati, con i ragazzi di una 5°classe della scuola di Godega

Ringraziamo, per competenza e professionalità , il relatore, sig. Leonardi dell’Avis Provinciale.

- Il 29 maggio abbiamo sperimentato la partecipazione a Cantine Aperte, certamente non per “ iniziare” i partecipanti al consumo del vino, ma perché crediamo che conoscenza e quindi consumo consapevole, possano quantomeno contenere l’abuso di alcol che è un vero problema sociale.

- Il 26 giugno si è tenuta la Gita sociale nella bellissima ed affascinante Mantova.

- A novembre , accompagnata dalla musica dal vivo del trio Sandro e Piero + Piero, la ormai mitica Castagnata.

- A dicembre abbiamo visitato la Fiera Internazionale dell’Artigianato a Milano

ATTIVITA/SERVIZI 2017

Le attività sociali in programma per il 2017, sono già state esplicitate nella nostra comunicazione inviata a tutti i donatori a dicembre u.s., pertanto credo sia inutile che Vi annoi con ripetizioni.

Vi accenno quindi brevemente sullo stato dell’arte di alcuni servizi che abbiamo introdotto e/o stiamo implementando, ed alcune riflessioni sul futuro della nostra associazione.

Servizio di Chiamata/Prenotazione e Convocazione

Come sapete, il servizio di chiamata è uno strumento molto importante, che fa parte di un programma concordato dall’ Avis Provinciale con le strutture sanitarie di riferimento, in funzione delle esigenze terapeutiche degli ammalati.

Come Avis Godega abbiamo pensato di attivare, per i nostri donatori che abitualmente si recano a donare presso i C.T, questo servizio che comprende anche la prenotazione .

Nella nostra A.O. , al momento, abbiamo degli ostacoli insormontabili da superare per attivare questo tipo di servizio.

Ad esempio, se consideriamo il numero di persone che mediamente donano da noi, con il layout attuale gli spazi sarebbero inadeguati, rendendo quindi ingestibile un processo di prelievo corretto. Stiamo ricercando soluzioni praticabili.

Per avvisi e chiamate stiamo invece utilizzando, come avete potuto constatare, tutti gli strumenti fruibili: telefonate, sms, email ed anche Facebook.

Abbiamo anche un servizio di informazione dedicato ai neo maggiorenni del nostro Comune che viene curato da tempo dalla nostra Paola.

Servizio di Accoglienza

L’accoglienza per noi è sempre stata un segno distintivo, pertanto cerchiamo di curarla in modo adeguato seguendo il percorso del donatore dall’arrivo per l’accettazione sino al ristoro e al commiato.

Riteniamo infatti che la cura e l’informazione, per coloro che si presentano per il prelievo, sia di vitale importanza per la loro tranquillità e benessere.

Di recente, in accettazione, abbiamo inserito un distributore di numeri, che serve per la corretta precedenza durante le operazioni di prelievo.

E’ una piccola cosa, quasi un palliativo se vogliamo, ma i donatori hanno apprezzato, perché lo hanno percepito come un aumento di attenzione nei loro confronti.

Stiamo valutando ulteriori iniziative migliorative e siamo aperti ad accogliere suggerimenti.

Idoneità di Sabato

Abbiamo deciso di proseguire con la sperimentazione delle giornate dedicate alle idoneità.

Le date prescelte per quest’anno sono il 25 marzo e il 28 ottobre.

Riteniamo che l’idoneità di sabato sia uno strumento valido, anche di promozione se vogliamo, ma dovrebbe essere integrato ricercando maggiori sinergie fra Avis Comunali vicine e/o limitrofe.

Per superare naturali diffidenze e/o gelosie, confidiamo nelle giovani generazioni .

Donazioni / Futuro

La sfida con la quale in un futuro più o meno prossimo dovremmo giocoforza confrontarci tutti, soprattutto chi ha funzioni dirigenziali, sarà quella del cambio di approccio mentale.

Ci verrà richiesto infatti di lavorare per coinvolgere i nostri soci donatori, non solo come adesso allo scadere dei 90 gg., ma in funzione delle esigenze terapeutiche degli ospedali.

Questo nuovo approccio farà fare un ulteriore passo in avanti alla nostra associazione e permetterà di ottimizzare le risorse eliminando gli sprechi con evidenti economie per i C.T. e quindi per la nostra sanità Regionale.

L’impatto per le nostre A.O. invece, è ancora tutto da valutare, ma sicuramente non sarà nè semplice nè facile modificare mentalità ormai consolidate a tutti i livelli.

E’ nostro compito iniziare a prepararci per questa evenienza prima che ci venga imposta dall’alto.

Per affrontare queste nuove sfide e assicurare un futuro degno ad Avis Godega, è necessario che il maggior numero di persone possibili , giovani e non, ma capaci e volenterose decidano di impegnarsi per questi obbiettivi.

Conclusioni

Siamo giunti alla conclusione di un quadriennio e quindi, con il rinnovo delle cariche sociali, il momento è appropriato per cercare di rinnovare e rinvigorire il nuovo consiglio.

La questione è di vitale importanza, non perché ci sia un disimpegno da parte dei veterani, ma per poter inserire ulteriori giovani nel nuovo consiglio.

Questi, avranno la possibilità di crescere e formarsi accanto a persone più esperte e quindi creare i presupposti per un ricambio generazionale ormai necessario.

Mi sembra quindi quantomeno pleonastico darvi ora un resoconto del lavoro svolto in questi quattro anni dal nostro consiglio.

Quello che è stato fatto e i risultati ottenuti sono sotto gli occhi di tutti nella massima trasparenza, perché Avis Godega è la casa comune a cui tutti i soci possono accedere .

Vi posso assicurare che, il consiglio che ho avuto l’onore di presiedere, è composto tutto da volontari veramente motivati e quindi è nostra consuetudine lavorare non per essere omaggiati dalla gente o per appuntarci medaglie al petto, anche se un poco di sano orgoglio aiuta a fare squadra ma, come dice un passo del nostro statuto che cito testualmente :

Contribuire al raggiungere degli obbiettivi associativi di autosufficienza del sangue e dei suoi derivati, coi i massimi livelli di sicurezza possibili, tutelando il diritto alla salute di ammalati e donatori.

Centro Sollievo

Prima di congedarmi, vorrei ricordare che come Avis Godega si sentiamo meritatamente orgogliosi nell’aver contribuito a creare e sostenere il Centro di Sollievo per malati di Alzheimer che, già da quasi due anni ormai, ospitiamo e supportiamo nella nostra struttura .

Anche questa è stata una scelta di cuore.

SALUTI FINALI

Il mio saluto e il mio ringraziamento a tutti Voi che mi avete pazientemente ascoltato.

Un ringraziamento particolare alle autorità che ci hanno onorato con la loro presenza:

Per il Comune di Godega, al sindaco dr. Alessandro Bonet

Per Avis Provinciale, al consigliere Michele Rodighiero

Ringrazio il Collegio dei Revisori dei conti : Gianantonio Dal Cin , Alex Pastre e Alessandro Gava

per il loro prezioso lavoro.

Un sentito grazie anche ai nostri Seniores più rappresentativi che fanno parte della nostra storia

- Dino Bontempi e Giordano Dal Pietro

Per non correre il rischio di dimenticare qualcuno, perché sono veramente tanti, ringrazio di cuore tutte le persone e le ditte che in questi anni non ci hanno mai fatto mancare vicinanza e supporto.

A Tutto il Consiglio Uscente, a cominciare dalle nostre fantastiche ed impagabili donne: (Le chiamo in ordine alfabetico perché non si sa mai)

- Alessandra - Claudia - Evelina - Giulia - Ivana - Paola

E i nostri uomini:

- Alessandro- Claudio- Danilo- Domenico- Francesco- Marino- Martino- Mauro

Un sentito ringraziamento per tutto quello che avete fatto in questi anni per Avis Godega , per il supporto encomiabile, che mi avete sempre dato e in particolare per l’amicizia con la quale mi avete gratificato . Grazie di cuore a tutti